SABATO 29 MAGGIO

PACE Oggi manifestazione a Bari Domani tutte a San Damiano

ROMA. Ancora un week-end di manifestazioni in Italia contro la guerra. OGGI. Cominciamo da Bari dove si tiene la "manifestazione meridionale" promossa da cento esponenti del pacifismo pugliese a cui hanno aderito decine di associazioni: il corteo parte alle 17 da piazza Massari, gli interventi conclusivi (di Tonino Dell'Olio, Laura Marchetti, Sandro Curzi e Valentino Parlato) dalle 19 in piazza Prefettura. Importante anche l'appuntamento di Roma: oggi e domani una no-stop al Villaggio Globale di "Artisti contro la guerra". Ancora a Roma: alle 10 un presidio a villa Dora Pamphilii e un altro in piazza Ippolito Nievo. Alle 18 a Rovigo presso il Teatro di Casa Serena dibattito con Bettin, Schiavone, Corradi. Alle 16,30 a Milano, presso la Tenda per la pace di piazza Duomo, presentazione di un video. Sempre a Milanox, alle 17, l'Osservatorio invita a una "sirenata" con presidio davanti al consolato americano in via Turati angolo via Moscova. Alle 18, in piazza della Vittoria a Campobasso, un concerto per la pace: ci saranno tra gli altri Pullman Retonike, Roberto Barone, Flavio Brunetti, Donato Cimaglia, Nicola Cordisco, Gianclaudio Piedimonte, Piero Ricci, Stefano Sabelli. Alle 16 a Monfalcone, in via Fratelli Rossetti, raccolta di firme contro la guerra. Alle 15 a Ravenna presso l'ex sala Melandri, conferenza di Malcolm Sylvers dal titolo "Guerra nei Balcani: quale Europa?". Alle 21 a Catania, presso il centro popolare occupato Experia, iniziativa di solidarietà con i 38 mila operai della Zastava (Uzeda in concerto).
Alle 18 al Teatro di Casa Serena in via Bramante a Rovigo, la consulta per la pace organizza "A due mesi dalla guerra nei Balcani, incontro con Gianfranco Bettin, Gianfranco Schiavone, Massimo Corradi, Donata Pavini, alle 21 "Migrare nel pianeta terra" di di (in)compagnia di Biancoenero; ingresso a offerta libera per le vittime della guerra. A Milano alle 16.30 in piazza Duomo presso la tenda della pace verrà proiettato un video di testimonianza e denuncia delle cariche della polizia contro la manifestazione del 13 maggio, sciopero generale contro la guerra anche perché, sostengono i promotori del corteo, la questura ha perquisito nei giorni scorsi le case di quattro compagni del movimento. Presso il centro di iniziativa proletaria di Sesto san Giovanni cena popolare alle 20.30 per finanziare un concerto contro la guerra; il comitato si riunisce ogni mercoledì sera alle 21. Alle 16 a Pordenone in via Fratelli Rosselli a Mondalcone, banchetto del comitato contro la guerra di Gorizia per la raccolta di firme contro la guerra. A Ravenna alle 15 presso la Sala D'Attorre (ex Sala Melandri) conferenza-dibattito di Malcolm Sylvers, dal titolo "Guerra nei Balcani: quale Europa?", interverrà anche Fulvio Grimaldi. A Roma dalle 17 fino a domanica a Villaggio Globale woorkshop non stop contro la guerra organizzata da Paese delle donne arte e Villaggio globale (aderiscono Donne in nero, associazione decontaminazione di Belgrado, La piazza) sono invitati tutti gli artisti e gli studenti delle scuole d'arte. Mentre a Catania alle 21 presso il centro popolare occupato Experia (via del plebiscito 782) iniziativa di solidarietà con i 38.000 operai della Zavasta e delle fabbriche bombardate dalla Nato: Uzeda in concerto.


Palermo - ore 10:00, Sit-in al GIORNALE DI SICILIA


Sandro Curzi, Valentino Parlato, Tonino Dell'Olio e Laura Marchetti intervengono alla manifestazione che si tiene sabato 29 a Bari con corteo alle 17 da piazza Massari e dibattito alle 19 in piazza della Prefettura.

Bari: BASTA con la guerra, con i bombardamenti della NATO, con la pulizia etnica, le deportazioni, gli eccidi - La parola alla pace, ai popoli, ai parlamenti - MANIFESTAZIONE PACIFISTA MERIDIONALE

... invitiamo i pacifisti, il popolo di don Tonino Bello, le forze democratiche della Puglia e del Mezzogiorno a mobilitarsi, a chiedere al governo italiano di tener fede al ripudio della guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, cosi` come proclama la nostra Costituzione, e di porre fine alla partecipazione italiana a un conflitto che il Parlamento non ha mai dichiarato.

Percio` chiediamo a tutti gli uomini e le donne di buona volonta`, al Mezzogiorno cosi` esposto ai venti di guerra, ma anche cosi` aperto al dialogo e all'accoglienza, di essere con noi, per manifestare contro la guerra, a Bari il 29 maggio (dal testo dell'appello).

Corteo da piazza Massari: partenza alle ore 16. Interventi conclusivi piazza Prefettura: ore 19