Oggi, venerdì 23 aprile

Cominciamo, casualmente, da Taranto dove dalle 17 in piazza Garibaldi (davanti alla tenda pacifista) ci sarà un presidio informativo di associazioni e cittadini. "Quale pace per i Balcani" è il titolo dell'assemblea, promossa da Verdi, Unione degli studenti e settimanale Erba, che si terrà alle 21 alla camera del lavoro di Milano (corso di porta Vittoria) con Gianni Porta, Giancarlo Salvoldi, Carlo Monguzzi, Gabriele Messina, Ilka Schroder e Paolo Hutter. Sempre a Milano fiaccolate degli umanisti alle 21 in via Negroli, viale Monza, piazza Gramsci. A Ivrea alle 21 alla sala S.Marta la Casa delle donne organizza un incontro su "Il movimento delle donne tra pace e guerra", con Lidia Menapace. Il neonato comitato contro la guerra di Figline Valdarno convoca un'assemblea pubblica alle 21 nella sala consiliare.

"Dalla parte di nessuno: contro la guerra", è lo slogan del circolo di Legambiente "Green Gang" di Monfalcone che organizza, a partire dalle 9, una maratona (con corteo, teatro e musica) per la pace in piazza della Repubblica. A Genova dalle 18 veglia in piazza San Donato promossa da Arci e tante altre associazioni per "esprimere il nostro rifiuto alla guerra come soluzione dei conflitti. "Asti ripudia la guerra", comitato di cui fanno parte Acli, centro sociale Terrarossa, Prc, Verdi, Pcd'I, sinistra Ds e Legambiente, presidia piazza S.Secondo dalle 15 alle 19. Campobasso, dalle 20 Prc, chiese evangeliche battiste e valdesi, Verdi e centro per la pace saranno sul ponte che collega i quartieri Vizzieri e San Giovanni. Di nuovo a Taranto dalle 14 presidio davanti alla portineria "D" della Ilva dove saranno raccolti fondi per gli operai jugoslavi delle fabbriche bombardate dalla Nato. A Roma alle 17.30 alla Fondazione Basso (via della Dogana Vecchia 5) Pietro Ingrao, Giorgio Napolitano, Luigi Ferrajoli, Massimo Luciani, Francois Rigaux, Salvatore Senese, Zlatko Dizdarevic ed Elena Paciotti discuteranno su "L'intervento militare nella ex Jugoslavia: ingerenza umanitaria e politica europea". Sempre a Roma il coordinamento femminista organizza un'assemblea alla Casa internazionale della donna per costituire un comitato contro la guerra (via S.Francesco di Sales). Le Donne in nero di Piacenza organizzano dalle 18 alle 19 un presidio davanti al monumento alla Resistenza (imbocco stradone Farnese). "Kosovo, pulizia etnica e convivenza", è il tema del dibattito al municipio di Mestre promosso dal centro per la pace del comune di Venezia. Il partito umanista promuove a Roma una fiaccolata, alle 21 dalla facoltà di sociologia (via Salaria 113). A Adria alle 17.30 corteo da piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa promosso da associazione Intifada, Agesci, giovani comunisti, csa Eternit, Prc, Arci, Assopace, Beati i costruttori di pace e Donne in nero. Bagnaia (Viterbo) alle 21 presidio al ponte di viale Fiume. Napoli alle 16 assemblea pubblica nella sala S.Chiara (piazza del Gesù).


VENERDI' 23. Alle 8,30 corteo a Monfalcone dal palazzetto dello sport; alle 15 concerto in piazza, graffiti e poi alle 19 corteo fino all'Albero della pace. Presso la sala Santa Marta di Ivrea un incontro con Lidia Menapace alle 21. Alle 21,15 in piazza del Pesce, a Prato, nasce il coordinamento cittadino per la pace.